blog

Intervista nella Trasmissione A Sua Immagine RAI1

Intervista rilasciata a Lorenza Bianchetti, conduttrice della trasmissione A Sua Immagine

Cosa significa essere Presidente Unitalsi? Significa innanzitutto farsi carico di una traiettoria associativa che sappia riconoscere e vivere i valori del “pellegrinaggio” quale viaggio verso la persona, vero “santuario” di Dio. Il Presidente e' il vertice dell'Associazione, con quel che ne consegue in termini di impegno e di responsabilità, e deve orientare l’azione quotidiana dell’Unitalsi nel solco di una esperienza di Chiesa viva, fertile, che recepisce e trasmette l’entusiasmo per Dio, per la vita, per ogni uomo. Sicuramente non è un impegno semplice e comporta una scelta di vita con la consapevolezza che sono più le difficoltà da affrontare che le soddisfazioni in quanto l'Unitalsi, che in 110 anni ha costruito e custodito un patrimonio di storia e di storie di inestimabile valore, vive dello slancio di gratuità e di impegno dei suoi soci, pur convivendo con i limiti propri di ogni esperienza di umanità, e di tale slancio bisogna tener conto nel governare i processi associativi e nel promuovere e realizzare i pellegrinaggi come tutte le iniziative che nel quotidiano si realizzano sul territorio, facendo attenzione ad essere testimoni di carità discreta e, al tempo stesso, efficace, al servizio delle necessità del prossimo. Un paio di battute sull'incontro con Papa Francesco E' stato il momento conclusivo delle celebrazioni dei 110 anni di vita dell'Associazione e molto hanno colpito le parole del Papa: "la vostra opera è evangelica proprio, è il ministero della consolazione. … cercate sempre di essere sguardo che accoglie, mano che solleva e accompagna, parola di conforto, abbraccio di tenerezza. Non scoraggiatevi per le difficoltà e la stanchezza, ma continuate a donare tempo, sorriso e amore ai fratelli e alle sorelle che ne hanno bisogno." E' un mandato preciso, e' un riconoscimento importante che rafforza nella professione di appartenenza. L'Unitalsi, che vive ancora sulla pelle l'emozione dell'abbraccio di carità ricevuto da Papa Francesco, vuole vivere in modo ancora più totale questo impegno di “fraternità”, perchè davvero l'associazione sia quel luogo di grazia capace di valorizzare le differenze, accogliere le novità, aprirsi al prossimo l'Associazione attraverso il suo concreto rapporto personale con un disabile? Il mio impegno associativo, che risale al 1966, si è rafforzato nel lungo tratto di vita percorso dagli anni '70 fino a pochi anni fa insieme ad un amico speciale, Maurizio, che pur affetto da tetra paresi spastica riusciva a comunicare la sua voglia di vivere e rivendicava il suo diritto a non essere considerato un malato, ma una persona con qualche difficoltà motoria ma con intelligenza e capacità di sentimenti. Quando riuscì a comunicare meglio attraverso un piccolo computer, che utilizzava battendo sui tasti con un lungo chiodo assicurato alla testa con un casco da ciclista, le lunghe discussioni sulla politica, sullo sport e su altri argomenti divennero frequenti, così come le considerazioni sull'Unitalsi ed il suo impegno nel mondo della malattia e della disabilità. Nasce da questo rapporto l'impegno più pressante e deciso mio e di tanti altri soci per sottolineare come l'impegno sociale ed ecclesiale dell'Associazione vada al di la' del pellegrinaggio, che resta pur sempre il nostro carisma, il nostro punto di partenza e di arrivo, ma non e' il nostro vivere quotidiano, non e' e non puo' essere l'unico impegno associativo. In questo ultimo quindicennio si sono moltiplicate le attivita' e l'impegno, in particolare delle sottosezioni, e' cresciuto e vari strumenti, i progetti, si sono utilizzati per dare risposte organiche alle esigenze degli ammalati e disabili, si e' avuta la capacità di cogliere i cambiamenti degli anni '90 e di incanalarne le potenzialità in modo organico. Insomma, Maurizio ha contribuito a cambiare e far crescere l'impegno associativo.


autore: Salvatore Pagliuca
visto da 9 utenti

da leggere

L''''Unitalsi come esperienza di gioia

Una riflessione sull'Unitalsi nei 110 anni della sua storia

INCONTRO CON PAPA FRANCESCO ROMA 9 NOVEMBRE 2013

In occasione dei 110 anni dell'Unitalsi l'Unitalsi ha incontrato Papa Francesco. Di seguito il saluto del Presidente Nazionale Salvatore Pagliuca

Vuoi una consulenza legale?

Prendi un appuntamento

Se hai qualche problema legale nella tua vita ... Siamo disponibili